Vivo in Toscana, nel comune di Capannori, poco distante da Lucca, una città di provincia che è sempre stata il centro culturale e sociale della piana omonima, a Lucca, si trovava pure il municipio del comune di Capannori, un caso unico in Italia, credo.

I comuni limitrofi erano periferia della città ed i cittadini di Capannori, si sentivano più lucchesi che capannoresi.

Dalla metà degli anni duemila, ci fu un cambiamento di tendenza, che portò Capannori alla ribalta, grazie alla tenacia di Ambiente e Futuro,, un gruppo di ambientalisti profondamente radicali, con il contributo di Paul Connett, (professore universitario di chimica in America), che seppero convincere l’amministrazione a cambiare rotta sul piano ambientale, aderendo (primi in Italia) alla strategia internazionale Rifiuti Zero – Zero Waste.

Ma cos’è Rifiuti Zero? È un piano per ripensare e modificare la società dello scarto, dell’usa e getta, dello spreco di risorse, attraverso il coinvolgimento delle persone che sono i veri attori del cambiamento

Capannori, si scoprì, e le oltre quaranta frazioni di pianura e collina che compongono il comune iniziarono una raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta, eliminando i cassonetti dalle strade, sostituiti da piccoli bidoni colorati assegnati ad ogni abitazione ed azienda del territorio. I primi malcontenti, che si hanno ad ogni cambiamento, ben presto svanirono, per l’efficienza del sistema di raccolta domiciliare, ogni mattina veniva raccolto un materiale diverso: carta e cartone, plastica, organico, vetro, indifferenziato; tutto questo grazie al lavoro delle decine di nuovi addetti, alla guida di piccoli camioncini.

La spazzatura seppe dare un senso di appartenenza ad una comunità disgregata e senza una identità propria, da allora di Capannori si è parlato tanto in Italia e nel mondo, come sinonimo di comune attento all’ambiente. Adesso per strada capita di incontrare delegazioni di persone da ogni angolo del globo, cercano di capire come abbiamo fatto, ci guardano con ammirazione. Ma qua abbiamo solo fatto cose normali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.