Finalmente una bella notizia per tutti gli animali!

Lo storico zoo di Buenos Aires chiuderà definitivamente dopo 140 anni di attività.

La splendida decisione è stata presa dal sindaco della città, il quale ha sottolineato che la vita in cattività è degradante per gli animali e non è questo il modo di prendersi cura di loro.

Sono circa 2500 gli animali che a breve conquisteranno la libertà. La maggior parte saranno liberati dalle  gabbie e trasferiti cosi gradatamente nei prossimi mesi, in Riserve Naturali dove troveranno un habitat adatto alla propria specie e dove potranno riappropriarsi della dignità perduta.1680558-orsopolare_2

Non tutti gli animali però’ saranno spostati: i più malati e anziani per poter affrontare un cambiamento cosi radicale, resteranno all’interno dello zoo, ma non saranno più esposti al pubblico bensì seguiti da esperti che si prenderanno cura di loro. Le riproduzioni saranno interrotte. Nessun animale nascerà più in cattività tra gabbie e recinti.

Una vera e propria trasformazione : lo zoo diventerà uno eco parco, un luogo dove i bambini potranno imparare nozioni utili sul concetto si sostenibilità, a prendersi cura degli animali ed a relazionarsi con loro, a rispettare la natura ed il prossimo.

Inoltre la struttura farà anche da rifugio e riabilitazione per gli animali salvati dai traffici illegali.

Da tempo lo zoo era oggetto di moltissime polemiche a causa delle condizione di vita dei suoi animali, in particolare gli orsi polari.

l'orango Sandra allo zoo di Buenos AiresIn questo zoo c’è tutt’ora anche Sandra, l’orango, oggetto di una sentenza che fece il giro del mondo. Definita ”persona non umana”, capace di provare sentimenti e di comprendere , ottenne il diritto alla libertà.

Una svolta storica, segno che il cambiamento è possibile e sta arrivando. Noi siamo pronti ad accoglierlo ed ad accettarlo ben volentieri e ci auspichiamo che  tutti gli zoo possano chiudere e ridare la libertà agli animali. Ma soprattutto ci auguriamo che l’Italia non resti a guardare ma prenda esempio da questa bella lezione di civiltà!

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.