Continuo…

Appena lo portò alla bocca, il flauto prese a cantare da solo la triste nenia.

Pecuraro ca `mmocca me tiene,
tieneme astrinto e nun me lassà,
pe’ `na penna d’auciello grifone,
fratemo è stato `nu traditore,
m’ha acciso e m’ha scannato,
e dint’ `a `nu fuosso m’ha menato                                                                                                                 

L'auciello grifoneIl pastore pensò si trattasse di una fortunata magia che avrebbe potuto cambiare la sua misera condizione, lasciò il gregge e se ne andò per le piazze e i mercati a mostrare il magico strumento. Gira gira, giunse nel paese dell’anziano genitore che, incuriosito, volle provare a suonare lui stesso lo strumento. Appena portò il flauto alla bocca, il flauto cominciò a cantare:

Papà ca `mmocca me tiene,
tieneme astrinto e nun me lassà,
pe’ `na penna d’auciello grifone,
fratemo è stato `nu traditore,
m’ha acciso e m’ha scannato,
e dint’ `a `nu fuosso m’ha menato.

Il vecchio cominciò a capire.
Intanto giunse la madre e anche lei volle suonarlo, così quello riprese:

Mammà ca `mbraccio me tiene,
tieneme astrinto e nun me lassà…

Arrivò dopo poco anche il figlio,  impaurito e vistosi scoperto, afferrò il flauto e fece per spezzarlo, ma lo strumento iniziò a cantare ancora come impazzito:

Fratello ca ‘mmano me tiene,
tieneme astrinto e nun me lassà,
pe’ `na penna d’auciello grifone,
tu si stato `nu traditore,
m’he acciso e m’he scannato
e dint’ `a `nu fuosso m’ he menato.

L’accusa fu palese: l’assassino fu condannato ad essere rinchiuso in una botte di pece e precipitato in mare dalla rupe, che sovrasta la scogliera della Marina di Vietri.

Quando la botte toccò le onde il mare per l’orrore si ritrasse e nel luogo dove cadde, si elevarono, come per incanto, i due faraglioni.

I due scogli sono ancora lì, uno è sempre ricoperto di erba e piccole piante ed è il buon figliolo, l’altro, invece è brullo e scosceso ed è il cattivo fratello.
I due scogli sono stati in grave pericolo a causa dei raccoglitori di datteri di mare che ne hanno compromesso la stabilità.
Ancora oggi, l’associazione “Marevivo” se ne prende cura.

P.S.
Ringrazio la compagnia “Anormali da Palcoscenico” per i disegni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here