Giancarlo Siani, morì la sera del 23 settembre 1985 per mano della camorra.

Aveva dimostrato la sua attenzione verso le problematiche giovanili già ai tempi del liceo quando militava nel movimento politico non violento “Indiani Metropolitani”.
Mentre frequentava l’università ha cominciato a collaborare con alcuni periodici napoletani mostrando interesse per le problematiche sociali del disagio e dell’emarginazione, individuando in quella fascia il principale serbatoio della manovalanza della criminalità organizzata, “la camorra”.

Lavorò a stretto contatto con l’ex Presidente delle Provincia di Napoli Professor Amato Lamberti, un galantuomo. Poi passò come redattore al quotidiano “Il Mattino”.
Giancarlo Siani entrava con forza nei vari scenari delle famiglie dei camorristi, studiava, approfondiva, si insinuava nella vita dei boss e scriveva articoli scomodi, di denuncia che davano fastidio ai camorristi e ai politici corrotti.

Giancarlo SianiA trentuno anni dalla morte di Giancarlo Siani sarà realizzata un’opera di street art dedicata a Giancarlo Siani per raccontare la vita del giovane giornalista pubblicista.
L’opera sarà realizzata dagli street artisti di fama internazionale Orticanoodles, pseudonimo del duo Wally e Alita. Il cantiere creativo sarà avviato durante il mese di settembre prossimo sul muro di cinta antistante lo stabile in cui Giancarlo Siani è nato e cresciuto a Napoli, a pochi metri d dove perse la vita. L’inaugurazione dell’opera è prevista per il 23 settembre 2016.

Gli organizzatori per la realizzazione dell’opera stanno diffondendo una sottoscrizione popolare. I fondi raccolti permetteranno di coprire le voci di spesa della preparazione del muro, fee artisti, acquisto dei materiali, produzione gadget, stampa stencil e per la realizzazione di una targa. Se i contributi supereranno la cifra prestabilita, i fondi saranno utilizzati per spese di gestione varie ed eventuali e/o attività di post – produzione e promozione dell’opera.

Un Murale per Giancarlo Siani  è un progetto da diffondere e da sostenere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.