Sono trascorsi due anni da quando sulla mia automobile si è attivata l’opzione “pilota automatico a tratta unica” Pomigliano – Marra!
Qualsiasi direzione io voglia prendere lei non vuole sentire ragioni: imbocca la 268 (strada statale del vesuvio) e mi porta fuori casa di Antonio Matrone, detto ‘O Lione.

Marra è “terra di mezzo” (gli appassionati del fantasy possono crederla, a giusta ragione, popolata da personaggi mitologici) tra Scafati (Sa) e Boscoreale (Na).
L’associazione Nova Marra ha in fase di preparazione il progetto
LI MARRI, TERRA E TAMMORRE”, giunto alla 9ª edizione, che si terrà durante l’ultimo fine settimana di settembre (24 e 25), nella solita location, la parrocchia di MarrLi Marri

L’idea dei due organizzatori, Pasquale Matrone e Simone Carotenuto, è chiarissima. Scrivono: << Marra è il cuore, la culla, la genesi di quello che oggi è diventato un fenomeno di culto nelle nuove generazioni, la tammurriata o canto sul tamburo. Era da Marra che partivano i carrettieri, portando il canto a distesa nelle altre zone della Campania, lungo le strade ed i sentieri che percorrevano per vendere i prodotti, quelli della terra marrese e di tutto l’agro nocerino sarnese e vesuviano.

.

Marra è stato il fulcro, ma non ha mai avuto il riconoscimento culturale di cui è meritoria >>. Ed è sempre da Marra che, ancora oggi, parte uno dei carrettoni che colora la festa della Madonna dei Bagni.

Il tema di quest’anno focalizza l’attenzione anche su un altro territorio, quello Sommese, dove è fortemente radicata la tradizione per il sacro e la devozione a mamma “Schiavona”- la mamma “Pacchiana” di Castello- dove si sente forte il legame con “a’ muntagna”, dove le tammorre, i canti e i balli sono motivo di aggregazione e incontro tra diverse generazioni.
Il programma è pressappoco questo:
fronna e tammurriata (agro nocerino) di benvenuto;
partecipazione di alcune paranze di Somma Vesuviana che, coadiuvate dalla passione e professionalità di Angela Esposito (ballatrice), proporranno anche un laboratorio di tammurriata alla Sommese;
non mancherà la paranza Di Febbraio per un’esplosiva “Giuglianese”;
concerti serali con Ciccio Nucera, Simone Carotenuto e Vincenzo Romano.
Sono previsti anche altri corsi di ballo: tammurriata stile agro nocerino e tarantella Calabrese.

La chiusura delle serate vedrà il formarsi “d’o chirchio” (cerchio) per spontanee esibizioni.
Non mancherà ovviamente la parte gastronomica, con la promozione di prodotti locali e il “compra Sud”.

Annotate queste date nel vostro calendario e… Ci vedremo pe ‘na ballata!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.