La “Carovana della Pace” partirà da Meteore in Grecia e arriverà a Roma per la chiusura della Porta Santa e del Giubileo della Misericordia. Non è un gruppo di devoti, o forse lo è perché di ‘spirito’ pur sempre si tratta. Ritornano infatti i viaggiatori sulle Grandi Vie della Storia. Ripartono in un’avventura meravigliosa che mescola il movimento, la storia, la religione, il turismo, la bellezza di paesaggi da vivere in venti lunghi giorni di cammino.

La coincidenza con il Giubileo viaggia sul percorso di un progetto super che, con la formula del turismo lento, affronta il percorso che dall’Italia portava viaggiatori, pellegrini, soldati e commercianti verso Costantinopoli e poi verso le Indie e a Gerusalemme.

Quello organizzato da un gruppo di specialisti dello sviluppo rurale legato al territorio e al turismo (per l’Italia ci sono la molisana Asvir Moligal ma anche l’Unione nazionale ambiente e agriturismo) dovrebbe essere solo il primo di una serie di viaggi. Si chiamerà ‘Carovana della Pace’ sullo spunto lanciato dalla ‘Carovana della transumanza’ la cui esperienza sul campo sarà trasferita in un lungo segmento spazio-tempo di grande effetto: quello che da Salonicco andava a Roma al tempo delle Crociate. I tratturi, la via Egnatia e l’itinerario culturale che unisce l’Italia alla Grecia irrobustiscono il ‘senso storico’ di un viaggio unico.

Partenza domenica 30 ottobre da Meteore e arrivo a Roma il 19 novembre. Tre gli stati coinvolti: Italia, Città del Vaticano e Grecia. Sette le regioni : Epiro, Macedonia e Tessaglia in Grecia, Puglia, Molise, Abruzzo e Lazio in Italia.

I comuni attraversati saranno i protagonisti nell’organizzazione dell’accoglienza ai partecipanti alla Carovana della Pace, con serate culturali, promozione del territorio, valorizzazione delle produzioni tipiche. L’obiettivo è nobile: vivere la cultura e le tradizioni con le comunità del posto. Come sui tratturi, come nella vie e nella civiltà della transumanza.

Segnalazioni 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.