Ad Antonio Matrone detto ‘o Lione : << Iuhuuu, vai semp’! >> .

Ieri ero a pranzo da Antonio Matrone detto ‘o Lione, tra ziti che volavano mentre cercavamo di spezzarli e il sugo che andava, ha iniziato a raccontarsi. << Di domenica, nella piazzetta Zaffaranelli, ci stavano sempre tutti! Zi’ Giuannin’ ‘e Carrij, Zi’ Minc ‘e Palmarosa e Zi’ Minucc’ ‘ e Marchionn’ con l’organetto; Zi’ Totonno ra marchesa cantava, Zi’ Michel’ ‘e Urzulell’ con il putipù e Zi’ Giuvann’ ‘o pecuraro… Guardando lui ho imparato a suonare la tammorra! >>

Sentir pronunciare quel guazzabuglio di nomi e soprannomi ha su di me l’effetto di un mantra.
<<Un giorno di 35 anni fa, il prete Don Sabatino di Martino decise di farci formare un gruppo, ‘A Tammorra Band, c’erano Dinuccio, Baffone… La prima suonata fu alla Festa dei Carciofi qui a Marra, provammo da Gennaio fino a Maggio! Poi dopo un mese suonammo a Pompei, 200.000 lire che non vedemmo mai perché ci mangiammo tutto, ma ci mangiammo tutto davvero! Panini, birre, per noi e per tutta la gente che invitammo! Quasi quasi gli dovevamo pagare noi qualcosa a loro! >>

14741643_10211063295762184_220642984_n<< Tempi che avevano un’altra luce>> dice spesso. << La prima festa dove andai, delle Feste… Quelle serie, fu la Madonna delle Galline. Scesi dopo 1h e 30 dalla macchina, una Dyane, perché avevo vergogna – è stato difficile immaginarlo così, lui che ora e’ ‘O Lione – poi presi coraggio e andai nel cortile di Franco Tiano. Lì conobbi Ginett’ ‘o Fratiell, Gioacchin’, Marchetiell’… Un giorno Peppe Dionisio, che organizzava ‘O Carrettone dei Vagni, ci chiamò a suonare durante la festa, allora incontrai Zi’ Viola, l’unica femmena che abballava ‘mmiez ‘a tanta uommene (l’unica donna a ballare tra tanti uomini), Zi’ Giannin’, Antonio ‘o Cianc’, Palmina… >>

Quei nomi scorrono nei suoi racconti come grani di un rosario che si tiene tra le dita. << Dopo 3, forse 4 anni, le tammorre si ruppero… Fu allora che mi presentarono Tonino ‘O Stocco, mi diede le pelli per aggiustarle, e da lì poi iniziai pure a costruirle >>. Da allora non ha mai smesso. ‘O Lione e la sua ritmica possente; O Lione e la sua paranza; ‘O Lione e il furgoncino che non fa guidare a nessuno; ‘O Lione e il suo bancariell’, diventato un’istituzione, il punto fermo di ogni festa, il primo ad arrivare e l’ultimo ad andar via! A ‘O Lione, per me Antonio – perché è all’uomo che devo tanto – che con il suo Festival di Suoni Agropastorali  (quest’anno aspetteremo insieme la Candelora, il 2 Febbraio, per poi lasciarci andare, a partire dal venerdì, ad un fine settimana di musica!) ha segnato l’inizio di un mio nuovo percorso di vita; che senza lui non avrei mai costruito una castagnetta; che senza lui Son tutte belle non sarebbe mai nato; a lui, ad Antonio, va la prima di una serie di dediche che scriverò a chi, questo mondo, me lo fa amare ogni giorno di più! Grazie! Anzi no, come direbbe Antonio << Iuhuuu, vai semp’! >>.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here