Mio nonno, contadino del sud, suonatore di fisarmonica e innamorato della sua terra, non era certo un filosofo, né un religioso, Dio solo so quanto lo hanno sentito imprecare contro un cielo spilorcio che non scuciva più una goccia di pioggia e che indifferente lasciava inaridire il suo pezzo di terra. Mio padre, bambino, che lo aiutava in campagna, appollaiato sopra un ulivo aveva in mano un bel sasso e stava per lanciarlo contro un rospo ignaro che stazionava lì sotto. -Fermati!- lo bloccò il nonno – Quella è mia madre! –

♥♥♥

ecosport-benessere-rospo1IL ROSPO

Collegato all’elemento dell’acqua, spesso associato al mondo della stregoneria, il rospo è protagonista di un rituale per evocare la pioggia in tempi di siccità, si usava infatti sfregare un bastoncino su una sua effige per provocare onde sonore simili al rumore della pioggia. La sua figura è inoltre simbolo di fertilità fin da tempi antichissimi, le culture mediterranee pre-indoeuropee raffiguravano la Dea Madre come un ibrido donna-rospo, dea della terra e quindi generatrice e portatrice di vita, come di morte, simbolo dunque della trasformazione che determina questi due opposti. Quindi se incontri un rospo devi aprirti al cambiamento, lasciar morire una parte di te per fare spazio ad una nuova che deve nascere.

IL GUFO

Re della notte, traghettatore di anime verso la luce per la sua facoltà di vedere nel buio. La sua caratteristica è quindi la Veggenza, che lo accomuna simbolicamente alla figura dello sciamano, capace con il suo intuito di vedere oltre le cose mortali. Il gufo è una guida attraverso le tenebre, un protettore che conduce alla luce della saggezza attraverso il viaggio nell’oscurità, quindi un guardiano spirituale che invita all’introspezione nelle profondità della coscienza, per giungere infine alla conoscenza, di cui è diventato icona. Se incontri il gufo allora c’è poco da fare, gambe in spalla, abbandona il porto sicuro, che è tempo di mettersi in viaggio.

LA TIGRE

La cacciatrice per eccellenza, colei che non dorme mai, la predatrice sempre vigile. Il suo corpo agile di felino, il suo istinto infallibile la fanno scattare al momento giusto e nessuna preda può sfuggirle. Pensate cosa potrebbe fare con i vostri desideri, con le occasioni che si presentano nella vita, le opportunità da cogliere al volo. Il suo comportamento valoroso ci ricorda quindi il potere, la forza spietata della bestia, e ci incoraggia a fare uso fino in fondo  delle nostre potenzialità, dei nostri talenti, per raggiungere finalmente e senza intralci quello che desideriamo. Ma la tigre è anche madre, una madre generosa e protettrice, e per questo attivatrice del femminile, dell’energia yin.

Per questa settimana ci fermiamo qui, vi segnalo un evento che potrebbe interessare le vostre fascinazioni sciamaniche ed attivare il potere di cui avete bisogno in questo momento: Crea e costruisci il tuo tamburo sciamanico con Lorenzo La Rosa, un laboratorio insolito e stimolante organizzato dall’associazione Il sogno dell’anima per il prossimo 27 novembre in quel di Brescia: Il tamburo dello sciamano è uno strumento spirituale che già esiste, a cui si deve soltanto dare un corpo, nessuno può costruire il tuo tamburo se non tu… suona familiare come metafora della vita? Seguite i link per le informazioni dettagliate!

ecosport-benessere-rospo

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here