Quante volte avete preso una decisione senza pensarci su due volte. Ho la proposta adatta. Domenica 4 dicembre vi aspetto davanti l’ingresso degli scavi, lato Porta anfiteatro (Piazza Anfiteatro) alle ore 10.00. 

Suppongo che Pompei la conoscete bene ma cosa sapete delle abitudini alimentari degli antichi abitanti di Pompei, dai gladiatori alle prostitute, dai ricchi mercanti ai senatori? E cosa sapete delle verdure e delle carni usate in cucina, e delle salse? Il garum o il mulsum, salse che i romani consumavano passeggiando tra i thermopolia, gli antichi fast food dove era possibile acquistare del cibo contenuto un grandi anfore.

Percorreremo la via dell’Abbondanza, tra case ricche e meno ricche, conosceremo la storia dell’anfiteatro pompeiano, tra i più grandi e antichi d’Europa e alla fine della visita tutti insieme ci siederemo alla tavola degli antichi romani e qualcuno ci racconterà dello stretto legame che intercorre tra le bellezze del territorio ed i suoi prodotti agricoli, di cibi speziati e in agrodolce.

Passiamo al pranzo:  Libitum di Catone di benvenuto (focaccina di ricotta e farina grezza all’alloro e Vino Mulsum), Tagliere Gustum, Bruschetta pompeiana con formaggio di pecora e cumino; Epityrum (crema di olive piccanti) Marek (formaggio morbido all’aglio), Pane adipotus (il trisavolo del casatiello), Carote fritte, Rondelle di uovo con salsa alla ruta, Spaghetti al Garum (colatura di alici), Linguine al Moretum (ricotta, lime, pinoli), Straccetti Defutrum (straccetti di carne cotti nel mosto del vino), Curcubita (zucca aceto e menta), Fico imbottito come dolce, vino della casa vinicola Poggio delle Baccanti.

Degli organizzatori di Curiosity Tour abbiamo già parlato, gente in gamba a quanto ci dicono amici che hanno fatto delle esperienze dirette. Il turista viene messo al centro dell’attenzione, così da farlo sentire cittadino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.