La notte è il momento ed il luogo in cui tutte le tipologie di persone mischiano le proprie identità…an he la notte ci sono benestanti, pezzenti, artisti, sognatori, imbroglioni, puttanieri, puttane e dame…ma è più difficile capire chi è chi…la notte porta finzione ed amplifica le percezioni…o le inibisce….partorisce figure che di giorno sono inesistenti… che nel giorno non avrebbero sostanza…e pensieri…e sogni…

Ma la notte è anche il momento in cui i sogni possono diventare realtà…soprattutto per chi ha nel suo animo due vita, due realtà, due culture diverse…

Nneka è nata in Nigeria, da padre nigeriano e madre tedesca, e ha sempre avuto nel canto la speranza di deninciare la corruzione del suo paese natale, la sorte della gente del delta del Niger, la differenza del modo di fare e vivere la politica tra i paesi africani e quelli europei (nella fattispecie la Germania, sua seconda patria).

Per lei la musica è  un ponte tra generi musicali, atmosfere e sensazioni, ed è anche il modo più immediato per denunciare, incazzarsi, spronare, spiegare…ed è innegabile che in ognuno di noi c’è un dualismo ancestrale e, spesso, mai risolto tra la direzione che prendono la nostra indole ed il nostro istinto e quello che invece ci impone la mente, la razionalità.

Venendo da un  continente che è la culla del mondo e vivendo, ora, in un paese che ha una mentalità decisamente più razionale diventa, o può diventare, difficile barcamenarmi tra le due strade  che ogni vita ha e che nello caso sono decisamente più marcate…

Ed è  proprio il conflitto tra cuore e cervello che si ripercuote anche nel modo di fare e proporre musica che proponiamo oggi…

Dall’Africa all’Europa…dai suoni tribali al reggae all’elettronica…un meltin’ pot di sensazioni e suoni…il tutto con unico denominatore: la sua voce…

Nneka…Mind vs Heart

Fabio Magrì

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.