Installazioni bioenergetiche suonanti e biorisonanti, aree di sosta bioenergetici,  segnalazione delle specie arboree con effetti biostimolanti e dei loro benefici in termini bioenergetici, allestimento di percorsi bioenergetici dove poter circolare e trascorrere il proprio tempo meditando, oziando, leggendo conversando sotto il benefico influsso delle piante e del campo magnetico che esse emanano, sono alcune delle proposte emerse nell’ambito della conferenza propositiva tenuta nei locali a disposizione del “Comitato promotore per la tutela e la salvaguardia della riserva naturale del Parco della Cellulosa

Ne abbiamo parlato già una settimana fa nell’articolo  “Sopravvivere alla aggressione elettromagnetica? Si può, con case e parchi bioenergetici.”

Le conferenze fanno parte di un ciclo di eventi gratuiti gestiti dall’arch. Adriano Guglielmo allo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi del rapporto con le energie naturali presenti nell’ambiente, nelle case e negli spazi abitati e su come poterle sfruttare e aumentare a nostro beneficio.

Il ciclo prende il nome di Therapy, ed in esso si dibatteranno temi riguardante nuovi modelli di vita, costruzione, trasformazione dell’ambiente e della vita delle persone in funzione di una prospettiva di “guarigione” di sé e dell’ambiente, del proprio corpo e del pianeta, della propria casa e del proprio quartiere, città, paese.

La grande partecipazione e l’alto interesse di gente informata e preparata sulle tematiche relative a inquinamento ambientale derivante da campi elettromagnetici, e interessata a sviluppare luoghi di aggregazione sani e salutari,  ha fatto sì che le proposte risuonassero con grande effetto nelle aspettative dei partecipanti, membri del Comitato o cittadini abitanti del quartiere Casalotti, impegnati anche in progetti di contrasto di iniziative private volte alla installazione di impianti di trasmissione ad alta frequenza.

Le persone hanno sempre più bisogno di entrare in contatto con la natura e poter disporre di spazi decongestionanti dove dedicarsi allo yoga, alla meditazione, allo sport o semplicemente al dialogo scaricando le tensioni e le congestioni accumulate nella mente e nel corpo per via del crescente inquinamento ambientale.

Molte le proposte di persone coinvolte in attività ludiche e ricreative aspettano solo di essere materializzate. Insegnanti di Yoga, persone convolti in progetti educativi con bambini, agricoltori curiosi impegnati nella coltivazione degli orti di quartiere che vogliono entrare in maggiore sinergia con la natura, persone che soffrono di disturbi cronici da elettro sensibilità: tutti hanno aderito con interesse al progetto.

Continueranno gli incontri all’interno della cornice del Parco della Cellulosa. Vi terremo informati.

Intanto le conferenze continueranno non solo nei quartieri ma anche nell’ambito delle attività del centro culturale Mulahdara a Roma, zona Piazzale della Radio, dove verranno affrontati, a partire da fine gennaio, attraverso workshop tematici, il rapporto dell’uomo con la propria abitazione al fine di imparare a costruire case bioenergetiche.

Per informazioni sugli eventi potete anche seguire le iniziative della pagina Cambio Casa Vivo Vastu

parco-bioenergetico-della-cellulosa-roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here