Carissimi lettori di Ecosport, lo sapevate che durante la notte della Befana gli animali parlano? Eh si! Avete capito bene! Secondo un’antica credenza contadina la notte dell’Epifania è considerata una notte magica durante la quale gli animali possono parlare ed esprimere un parere sui loro padroni. L’antico proverbio dice: “La Notte della Befana nella stalla parla l’Asino, il Bove e la Cavalla“.

Un proverbio diffuso soprattutto in Calabria, secondo il quale gli animali  svelerebbero il trattamento subito dai padroni. Cavalli, buoi, cani e pennuti possono finalmente rivelare le vessazioni subite dai contadini e per questo motivo hanno la possibilità di maledire il padrone e fare in modo che la sua famiglia incomba in “misteriose” disgrazie. Per evitate questi spiacevoli episodi i contadini prima dell’Epifania cominciano a cambiare il loro atteggiamenti verso gli animali della fattoria, li fanno mangiare a sazietà e li riempiono di coccole.

Ma guai ad ascoltarli! Nessun essere umano deve infatti spiare questa magica conversazione, pena la sfortuna! Ciò che gli animali dicono può essere causa di sciagure e si rischierebbe anche di ascoltare profezie sulla propria morte. Una leggenda, sempre calabrese e molto nota, racconta di un contadino della provincia di Cosenza, poco prodigo con il foraggio, che nella notte dell’Epifania lasciò a digiuno i propri buoi e si nascose nella stalla perché voleva sentirli parlare. A mezzanotte i buoi si misero a parlare dicendo che il loro cattivo padrone il giorno dopo sarebbe stato “un uomo morto sopra e sotto il carro”. L’uomo non capì il significato di quelle parole e il giorno seguente, quando spronò e colpì le bestie affamate, queste si imbizzarrirono e fecero rivoltare il carro, schiacciandolo e uccidendolo. Venne poi portato al cimitero con lo stesso carro, e si compì dunque la profezia secondo cui sarebbe stato “un uomo morto sotto e sopra il carro”. Leggenda o mito che sia, in Calabria si racconta questa storia e si provvede a una doppia razione di cibo per gli animali di casa o da cortile.

Attenti dunque! Trattate bene i vostri animali domestici! Sempre, non solo prima dell’Epifania. Date loro tanti buoni manicaretti e assicuratevi che la Befana porti loro una calza speciale! Cosa metterci all’interno? Di idee ne troverete tantissime e avrete solo l’imbarazzo della scelta: ossi di varia grandezza, gusto e con forme del tutto improbabili, dolciumi creati apposta per loro somiglianti in tutto e per tutto ai nostri (anche nel sapore ci assicura qualche coraggioso che li ha assaggiati): cioccolatini, biscotti e caramelle! Un regalo speciale per il palato del vostro cane o gatto!

Se seguirete i miei consigli posso assicurarvi che il giudizio dei vostri amici sarà positivo e quindi non avrete nessun problema!

E allora….Buona Epifania a tutti!

20121005-210332

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here