Il futuro è nei fondi di caffè, in tutti i sensi.  Dalla Caffeomanzia alla Cosmesi, all’Agricoltura, alla Cucina, al Design ed alla produzione di un Biocombustibile!

–   Magnesio, potassio, sodio, ferro, zinco, rame e manganese, fosforo, calcio, vitamine B1, B2, B3, B5, B6, vitamina K.

–   Aminoacidi: Metionina e asparagina, i fitosteroli, i terpeni, i tannini, pectina, cellulosa, e oli volatili.

–   Acido aspartico, l’acido palmitico, l’acido stearico, l’acido clorogenico, l’acido citrico, l’acido glutammico, l’acido linoleico, l’acido oleico, l’acido caffeico, e l’acido ossalico ed ancora altri componenti…

Li vuoi buttare? Malissimo, valgono un tesoro!

Per la serie ~non è vero ma ci credo~, con la Caffeomanzia si può leggere nei fondi di caffè, un metodo antico ed intricante.

Vuoi fare uno scrub? Mescola i fondi di caffè con olio extra vergine d’oliva. Inoltre puoi usare anche solo i fondi, sotto la doccia. Il loro potere esfoliante è miracoloso! Applicali sulla pelle umida, massaggia energicamente e risciacqua bene.

In agricoltura possono essere usati direttamente sul terreno.  Ma anche come fertilizzante liquido. Aggiungi acqua ai fondi di caffè, lascia una notte in infusione e poi spruzza direttamente sulle foglie.  La piante, nutrite, risulteranno più belle e più sane. Sono un ottimo substrato per la coltivazione dei funghi in quanto contengono tutte le sostanze nutritive per un crescita sana, ecologica e veloce!

Gli utilizzi sono molteplici e citarli tutti è un’impresa. Però non voglio tralasciare le applicazioni anche nel Design. All’Accademia di Eindhoven, tazzine e piattini biodegradabili vengono ricavati dai fondi di caffè. Un’Azienda Londinese, ha sperimentato un sistema di trasformazione di fondi di caffè e plastica riciclata, trasformandoli in tavoli e sedie.

Ultimo, ma non per importanza, solo perché ancora in via di sperimentazione, l’impiego nel riscaldamento. Dopo un processo di estrazione dei composti fenolici, si è appurato che i residui di fondi, possono bruciare molto meglio di tanti legni pregiati. Tanto che si sta pensando alla produzione di un biocombustibile trasformandoli in pellets da utilizzare nelle stufe!

.

Vi serve altro per deciderVi a non buttarli? Ah sì, un dolce!

Prestofatto ai fondi di caffè (ricetta personale)

 INGREDIENTI

4 uova medie

250g farina

30g lievito per dolci

250g zucchero di canna

100g fondi di caffè

100g polvere di cacao (dolce o amara, come desiderate)

100g nocciole o mandorle o noci o frutta secca che più amate

1 tazzina da caffè di olio (io scelgo quello di arachidi)

1 tazzina da caffè di amaretto o similare o quello che preferite

latte q.b.

PREPARAZIONE: E’ molto semplice, non vi spaventate! Ponete tutti gli ingredienti sul tavolo da lavoro, la planetaria, o una ciotola capiente se preferite impastare a mano. Per prima cosa pestate la frutta secca in un mortaio. Setacciate la farina ed il lievito.

Sbattere bene le uova con lo zucchero, aggiungere olio e liquore, aggiungere la farina ed il lievito setacciati, la polvere di cacao, i fondi di caffè, per ultima la frutta secca.

Se l’impasto dovesse risultare molto duro, usate un po’ di latte per ammorbidire.

Nel frattempo avrete acceso il forno, temperatura 180°-200°, infornare 30″- 40″

Consigli e suggerimenti sono sempre graditi.

 Angela Cantone

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here