Abbiamo già parlato di Curiosity Tour, qualche mese fa gli abbiamo dedicato uno spazio, se ve lo siete perso leggete con attenzione questo articolo.

Ecosport, la nostra community per la diffusione delle Attività Solidali con la Terra, e i ragazzi di Curiosity Tour hanno un obiettivo comune: rendere migliore la vita delle persone proponendo attività creative, conoscitive e divertenti.

Curiosity Tour nello specifico promuove un Turismo Attivo in quanto ritiene che il turista non debba essere trattato come un straniero in visita ma come un cittadino che tutti i giorni vive la quotidianità della città.

Napoli, la Città del Sole, è la protagonista degli itinerari scelti con lo scopo di promuovere posti insoliti, speciali, dove mangiare, divertirsi e socializzare.

Gli appuntamenti mensili sono molteplici, tour diurni o serali, per turisti in visita o cittadini in cerca di svago, per adulti o bambini, per studenti o giovani con tanta voglia di imparare, capire, osservare luoghi, persone e cose insolite.

Passeggiate e visite guidate, escursioni, trekking e degustazioni che si articolano tra monumenti, aree periferiche e degradate, attrattori paesaggistici poco o per niente sfruttati nella loro capacità turistica, didattica diversificata, tutto ciò caratterizza i viaggi  esperienziali proposti da Curiosity Tour.

Ecco tre interessanti appuntamenti.

18 febbraio: alla scoperta della Real casa dell’Annunziata, e della preziosissima “Madonna della scarpetta”, un luogo magico, ancora oggi uno dei luoghi più misteriosi della città.

18 febbraio: Un tour alla scoperta delle due piazze più significative del Seicento napoletano: piazza del Carmine e piazza del Mercato. Focolai di rivoluzioni e sommosse popolari, di morbi e sentenze capitali, le due piazze sono state protagoniste di alcuni fra gli eventi più avvincenti della storia napoletana come la rivoluzione di Masaniello.

19 febbraio: Visita guidata al Museo di Capodimonte con speciale attenzione ai due quadri di Van Gogh ritrovati, “La Spiaggia di Scheveningen” del 1882, e la “Chiesa di Nuenen” del 1884, rubati, acquistati dal re dei narcos Raffaele Imperiale e ritrovati a settembre in una villa a Castellammare di Stabia.

Prenotazione obbligatoria.

Cristina Siqueira Reis

I van Gogh ritrovati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here