Aggiungi un nonno a tavola
Aggiungi un nonno a tavola
27 febbraio 2017
#sfidatratifosi
#sfidatratifosi – Derby del Sole Derby di Pace – MEXICO
27 febbraio 2017

Dallo scarto nascono i fiori: i contenitori compostabili per hamburger o pizza

contenitori pizza compostabili

Dallo scarto possono nascere i fiori, possibile? Quella dei contenitori compostabili per hamburger o pizza è l’idea di uno studente di design dell’Università di Zin nella Repubblica Ceca, Michal Marko. Il progetto (Disposable Food Bowl), di qualche anno fa, prevede il riutilizzo del contenitore in cartone per la pizza per far germogliare alcune piantine.
Sul contenitore il giovane studente ha infatti previsto una etichetta adesiva contenente semi.
Dopo aver mangiato la pizza o l’hamburger, i semini vengono staccati dall’etichetta e piantati nel recipiente.
Ovviamente dopo la germogliazione, la ciotola e le piantine possono essere piantati nel terreno.
Il contenitore è biodegradabile al 100% ed è a basso impatto ambientale.

Michal Marko è stato il vincitore dello Young Package Design nella Repubblica Ceca proprio grazie a questa simpatica idea.
Eat your food, Grow a plant, Save a planet recita l’evocativa etichetta. Mangia il tuo cibo, cresci una pianta, salva il pianeta.

Un messaggio che si traduce nell’impegno di ridurre l’impatto ambientale in tutte le nostre azioni quotidiane, anche in quella di nutrirci.

E poi… i filtri compostabili

filtri compostabiliL’idea è molto simile a quella delle sigarette dell’azienda americana Greenbutts, con lo scopo di ridurre l’impatto ambientale dei mozziconi.
Il filtro delle Greenbutts è costituito da materiali al 100% naturali e compostabili (lino naturale, cotone e canapa naturale de-gommata, tenuti insieme con farina di grano e acqua pura). All’interno dei filtri sono inseriti i semi.
Si tratta di filtri che si decompongono in meno di un mese, ossia nel tempo i cui si decompone una buccia di banana (e non 15 anni come i normalissimi filtri).
Trasformare i filtri in fiori, la troviamo una splendida invenzione!
Peccato che questi prodotti (in vendita negli Stati Uniti dal 2014) facciano fatica a trovare una commercializzazione a livello mondiale.

Alexia Mangione
OffGrid Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *