Piano Lupo
Pastori, lupi e orsi: così convivono sulle Alpi Orobie
8 marzo 2017
#Sfidatratifosi
#sfidatratifosi (e non). L’abbraccio: una delle cose più belle che possa esistere. Testimonianze dal mondo del rugby, del hockey e del calcio.
8 marzo 2017

La 277^ Fiera Pessima di Manduria, la più antica d’Italia

Fiera Pessima di Manduria

La 277^ Fiera Pessima di Manduria è iniziata il 7 marzo alle ore 16.00 e finirà il 12 marzo 2017.

Le origini risalgono tra il XIV e XV secolo, quando la regina Giovanna II d’Angiò, concesse, alla allora Casalnuovo (Manduria), l’autorizzazione a tenere una Fiera.

Perché Pessima? Ci sono varie tesi. La più attendibile sembra quella legata al cattivo tempo, sempre presente, durante il periodo della Fiera.

“Anticamente la fiera si teneva … ‘mienz’allu Largu’… i forestieri…trovavano alloggio nelle locande… o dormivano stesi su granaglie, sacchi… nuceddi miricani, pastiddi, castagni ti lu preti, mennuli brustuliti, simienti, ciciri rrustuti… mentre gli animali li sistemavano in appositi recinti, curtiji… La sera si passava nelle cantine a mangiare brascioli, marretti e purpetti, il tutto innaffiato con ottimo mieru primatiu… La mattina si esponevano le merci … gridando a squarciagola… le contrattazioni avevano inizio allo sparo di un mortaretto…” (ciaksocial)

Ci vogliono giorni e giorni di lavoro per allestire la Fiera. Si spendono tanti soldi per costruire stand coperti. Si sposta il mercato settimanale, per mesi. Ma perché tanto dispendio di soldi ed energie?

Si potrebbero contenere le spese ed offrire spazi a costi ridotti a tutte quelle piccole realtà locali, che sarebbero orgogliose di offrire i loro prodotti a km0, e che non sono presenti, perché lo spazio Fiera non costa ‘picca picca’ -poco poco-!

Un encomio ma anche un appunto, però, al Comune che con un bando “l’Assessorato alle Attività Produttive… offre alle realtà socio-imprenditoriali operanti nel campo dell’enogastronomia e della valorizzazione dei prodotti tipici del territorio, della tutela delle biodiversità agroalimentari e dell’alimentazione mediterranea, la possibilità di ottenere gratuitamente uno stand…”

Ma, per la prima volta, da secoli, sembra che le cantine abbiano dimostrato totale disinteresse perché, l’attenzione Comunale è stata rivolta, principalmente, al settore alberghiero e della ristorazione, con excursus per l’olio, escludendo l’industria del vino Primitivo.

Per questo motivo (?), è stata realizzata una “contro Fiera”, “La Fiera Ottima”, da un grosso imprenditore del vino, Gregory Perrucci, che si terrà nei giorni 11 e 12 Marzo.

“L’evento … spero possa arricchire di contenuti qualificanti il nostro vitigno ed il territorio …perché bisogna prima parlare di Spazio Primitivo, che nasce a Manduria…” (La voce di Manduria)

Non vorrei essere fraintesa e non vorrei offendere nessuno, ma sono totalmente solidale con i Produttori Vinicoli.

Mi perdoneranno i Concittadini Manduriani, ma fare assurgere ad una pseudo facciata di modernità, una Fiera, così antica, così orgogliosa e così caratterialmente paesana, a mera esposizione campionaria, abbandonando del tutto, o quasi, la caratterizzazione Salentina e di Manduria, nello specifico, non rende onore alla Sua storia!

277 anni meriterebbero, secondo me, molto di più!

Non c’è gioia in quello che dico, anzi, c’è il sommo dispiacere nel constatare come, una Terra, che considero anche un po’ mia, ricca di cultura, tradizioni e bellezze naturali, le valorizzi così malamente.

Consigli e suggerimenti sono sempre graditi

Angela Cantone

sotto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *