Voglio spiegarti alcune tecniche di sopravvivenza per escursionisti da tenere a mente nei tuoi viaggi e nelle tue passeggiate. Questo articolo lo avevo scritto qualche tempo fa per RedFox Survival & Tracking e vorrei condividerlo con tutti voi lettori di Ecosport.it. Infatti, riuscire ad affrontare queste esperienze con la giusta tranquillità (non incoscienza!) è la scelta più responsabile.

Per prima cosa pensa alle difficoltà cui potresti andare incontro è il primo passo Orientamento in natura: tecniche di sopravvivenza per escursionisti di Marco Prioriimportante per pianificare bene la tua avventura. Quindi, raccogli informazioni e trova una buona mappa dei luoghi che intendi visitare. Immagina quello che sarà il territorio che ti attende. La mappa dovrà seguirti ovunque. Consultala spesso.

Il tuo bagaglio dovrà essere adeguato alla situazione, con abbigliamento e cambio vestiti idoneo alle condizioni climatiche che incontrerai. Medicinali e kit di primo soccorso vanno sempre tenuti in considerazione.

Anche il resto dell’equipaggiamento dovrà essere studiato e non lasciato al caso. Una torcia elettrica (con batterie cariche e un set di ricambio) e una coperta termica sono consigliabili anche per escursioni di poche ore.

>> ISCRIVITI ALLA SERATA GRATUITA A ROMA

Un piccolo kit di sopravvivenza che includa una serie di strumenti di rapido utilizzo potrebbe tornarti molto utile in caso di bisogno. Ne vendono di già pronti ma voglio raccomandarti due cose: primo, guarda bene cosa c’è dentro ed impara gli usi di ogni singolo oggetto; secondo, togli o aggiungi oggetti in base alle tue necessità ed alle situazioni in cui potresti trovarti. Ad esempio, immagina di andare in viaggio con la tenda. Mentre la stai smontando, inavvertitamente ti si strappa una parte del telo di copertura. Devi ripararla per continuare il tuo viaggio. Apri il kit di sopravvivenza ancora sigillato acquistato in offerta su Amazon e l’unico filo che ci trovi dentro è filo rigido di ottone. In questo caso avrai grosse difficoltà a ricucire la tenda! Avresti quindi dovuto aggiungere del robusto filo da cucito prima di partire!

Cos’altro dovresti sapere? Beh, la lista è interminabile come l’esperienza che una persona può immagazzinare nella propria vita. Ma alcune cose hanno la priorità. Io lo chiamo l’Ordine Sacro. In caso di imprevisti la prima cosa da fare è conserva la tua energia! Proteggi il tuo corpo e limita le attività a quelle che sono strettamente necessarie. Il panico può portarti a gravissime conseguenze, ma come minimo ti fa sprecare un’infinità di energie inutilmente.dove trovare l'acqua: le tecniche di sopravvivenza per escursionisti

L’Acqua ha notevole importanza per il nostro corpo. Disidratarci del 5-6% comporta un rallentamento delle tue attività fisiologiche e mentali. Puoi trovare acqua praticamente ovunque sul nostro meraviglioso pianeta ma bisogna sapere dove cercare.

L’emozione di vivere le attività all’aria aperta nel nostro immaginario è legata strettamente anche al fuoco. E infatti questo fantastico elemento ti aiuta sia psicologicamente che praticamente. Saper accendere un fuoco al momento del bisogno è di fondamentale importanza. Per riscaldarti, cucinare, sterilizzare l’acqua, fare segnali di emergenza o semplicemente tenerti compagnia.

E poi la fatidica domanda: “che si mangia?” Per brevi permanenze, anche forzate, in ambiente naturale, il cibo, al contrario di ciò che si crede, non è così importante. In caso di necessità puoi affrontare facilmente alcuni giorni senza cibo, ma imparare a riconoscere i cibi commestibili da quelli tossici in escursione, potrà diventare di importanza cruciale.Marco Priori presenta la serata gratuita sulle tecniche di sopravvivenza per escursionisti

Nei prossimi articoli riprenderemo molte tecniche di sopravvivenza per escursionisti per renderti sempre più a tuo agio nei boschi.

Se nel frattempo vuoi approfondire tutto questo puoi unirti alle serate gratuite, dove affronterò tutto questo e sarò a disposizione per le tue domande. 

>> ISCRIVITI ALLA SERATA GRATUITA A ROMA

Buona Avventura!

Cammina nel silenzio,

Marco Priori

Foto articoli Ecosport Marco Priori

Le tue segnalazioni sono gradite.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here