Piovigginava. Una pioggerella fitta e sottile che sembrava un velo, umida, penetrante, fastidiosa. Sembrava il giusto coronamento ad una giornata impegnativa e lui, con lo stesso umore del tempo, aveva voglia di un diversivo. Li vicino c’era una libreria e vi si diresse,  lasciando tutto in macchina: pensieri, telefono, borsa da lavoro, tutto.

La lettura era una delle sue passioni ed essere in una libreria a curiosare tra scaffali e titoli gli dava un senso di quiete.

Era nel reparto “narrativa” quando, all’improvviso, una voce si materializzo’ al suo fianco: “Mi consiglierebbe qualche bel libro?”

Sì girò, incontrando due occhi scuri e divertiti e un sorriso luminoso, incorniciati da lunghi capelli neri. Era alta, con lunghe gambe fasciate in un pantalone nero; le rispose: “possiamo curiosare insieme e nel frattempo posso proporle qualche libro che ho amato leggere”.

Parlarono, con parole e sguardi, sfiorandosi, studiandosi, scherzando; il tutto mentre esploravano gli scaffali ed i rispettivi mondi.

Lei gli disse: “mi farebbe piacere avere il tuo numero, ma ho lasciato il cellulare in macchina”. “Anche io, ma ho una penna”.

Lei aveva una busta di carta bianca con il logo di una marca di intimo: “puoi scriverlo qui, ho comprato dei reggiseni” disse con tono leggero; lui sorrise: “così sarà più “intimo””…gli sguardi continuavano a stuzzicarsi, le mani a sfiorarsi, non avevano più bisogno di dire nulla; pagarono alla cassa i libri che avevano scelto e si diressero verso l’uscita. Continuava a piovigginare,  ma sembrava che anche la pioggia, a quel punto, fosse complice. Uscendo, il velo di goccioline sembrava aprirsi come un sipario davanti a loro, diretti nella notte.

“Mi piace la tua piccola timidezza, mi piace il modo in cui vesti il mio sorriso” sono due frasi tratte dal brano di oggi;

Loro sono un duo Afro-Svizzero: Malia & Boris Blank Magnetic lies”

Fabio Magrì

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here